dr. Roberto Pietro Stefani - medico chirurgo specialista in odontostomatologia - 040 765452 - via S. Nicolò, 22 - 34121 Trieste

Le risposte alle domande più frequenti sul FAST BITE

FAST BITE

Qual’ è il vantaggio per il paziente di utilizzare il fast bite ?

Il fast bite è un bite piatto di stabilizzazione ed è indicato nel trattamento della gran parte delle disfunzioni dell’apparato masticatorio in quanto capace di riposizionare la mandibola e di risolvere sia problemi muscolari che articolari.

L’aggettivo “fast” si riferisce alla rapidità con cui il bite, secondo la metodica messa a punto dal Dr. R.P.Stefani, può essere funzionalizzato. Normalmente tale operazione, estremanete importante per la riuscita della terapia, è lunga ed impegnativa al punto tale da non venir fatta o fatta in maniera approssimativa e quindi inutile oltrechè pericolosa.

Il lavoro fatto alla poltrona e della durata di circa trenta minuti soddisfa pienamente i requisiti che ne garantiscono il buon esito ma ha il vantaggio non secondario di contenere i costi esecutivi e quindi di rendere il bite più economico senza nulla togliere alla sua qualità.

 

Perché alcune persone affermano che il bite non funziona ?

È vero il bite può non funzionare ma ciò solitamente dipende o da una diagnosi sbagliata o dalla mancata funzionalizzazione del bite.

Molto spesso nella mia esperienza quotidiana mi sono imbattuto in pazienti disfunzionali che avevano già fatto uno o addirittura più bite senza ottenere il benchè minimo risultato.

Alla verifica in bocca tutti questi bite dimostravano in maniera inequivocabile di non essere stati minimamente funzionalizzati ma semplicemente posizionati in bocca così come arrivati dal laboratorio o nella migliore delle ipotesi ritoccati qua e là.

Introdurre in bocca un manufatto così approssimativo non fa altro che aggiungere problema a problema. La controprova che la funzionalizzazione risulta fondamentale per la buona efficienza del bite è stata data dal fatto che modificando con della resina le vecchie placche in possesso dei pazienti si riuscivano ad ottenere quei miglioramenti che prima non erano presenti.

 

Quanto tempo bisogna portare il bite per avere risultati ?

Se la diagnosi è stata fatta correttamente e la funzionalizzazione eseguita il bite può dare risultati in tempi estremamente brevi anche di pochi giorni.Ovviamente la situazione cambia da caso a caso in quanto più il problema disfunzionale masticatorio trova la sua origine prevalentemente a livello della bocca tanto più rapido sarà il risultato ma in tutte le altre situazioni, le più frequenti, in cui lo stesso problema emerga come conseguenza del sommarsi di più fattori causali i risultati saranno più tardivi e spesso necessiteranno per essere ottenuti anche di altre terapie di supporto.

 

E’ vero che portando un bite di resina si può risolvere l’emicrania?

Il mal di testa è una delle cause più frequenti di sofferenza. Colpisce diffusamente giovani ed anziani, maschi o femmine presentandosi da caso a caso in maniera assolutamente diversa.

Risulta a questo punto di estrema importanza fare una diagnosi differenziale tra i diversi tipi di male di testa.

In termini molto generali e sintetici possiamo elencare due grandi categorie: l’emicrania e la cefalea muscolo tensiva, la prima tipicamente colpisce sempre e solo una parte specifica del capo, viene spesso preceduta da segnali neurologici conosciuti come aura ed è tipicamente ereditata in linea familiare; la seconda può colpire di volta in volta parti diverse del capo e del collo, non presenta mai fenomeni di aura, spesso non ha riscontri in genitori o parenti prossimi.

Il bite in resina dura, costruito ad hoc per il paziente e funzionalizzato a livello della sua bocca, è in grado di rilassare la muscolatura masticatoria e quella del collo e quindi può portare sicuro beneficio nella cefalea muscolo tensiva. Nei casi di emicrania è meglio sottoporsi ad una visita specialistica da parte di un esperto gnatologo che possa così valutare se all’interno di una emicrania ci possano essere anche aspetti di sofferenza muscolare su cui intervenire con il bite.

Lo studio RPS utilizza le più moderne apparecchiature: laser a diodi, elettromiografo, pedana stabilometrica, bisturi piezo-elettrico, rilevatore di carie a trans-illuminazione, lampada per sbiancamento Zoom * Lo studio RPS utilizza le più moderne apparecchiature: laser a diodi, elettromiografo, pedana stabilometrica, bisturi piezo-elettrico, rilevatore di carie a trans-illuminazione, lampada per sbiancamento Zoom * Lo studio RPS utilizza le più moderne apparecchiature: laser a diodi, elettromiografo, pedana stabilometrica, bisturi piezo-elettrico, rilevatore di carie a trans-illuminazione, lampada per sbiancamento Zoom * Lo studio RPS utilizza le più moderne apparecchiature: laser a diodi, elettromiografo, pedana stabilometrica, bisturi piezo-elettrico, rilevatore di carie a trans-illuminazione, lampada per sbiancamento Zoom * Lo studio RPS utilizza le più moderne apparecchiature: laser a diodi, elettromiografo, pedana stabilometrica, bisturi piezo-elettrico, rilevatore di carie a trans-illuminazione, lampada per sbiancamento Zoom * Lo studio RPS utilizza le più moderne apparecchiature: laser a diodi, elettromiografo, pedana stabilometrica, bisturi piezo-elettrico, rilevatore di carie a trans-illuminazione, lampada per sbiancamento Zoom * Lo studio RPS utilizza le più moderne apparecchiature: laser a diodi, elettromiografo, pedana stabilometrica, bisturi piezo-elettrico, rilevatore di carie a trans-illuminazione, lampada per sbiancamento Zoom